Emoviti

Novembre mese di piogge. Mese di ingorghi, traffico paralizzato, ma anche e soprattutto di buche che si riaprono e strade sempre più sgretolate.

Quando la buca è in pratica un fosso, purtroppo non c’è niente da fare per il malcapitato che la prende, ma se invece è almeno di dimensioni accettabili non si rischia la foratura o la rottura della ruota.
Però il rischio che i bellissimi cerchi in lega una volta presa una buca più o meno grande o con i bordi netti dell’asfalto, possono subire una deformazione della circonferenza con fuoriuscita di aria e perdita di pressione dei pneumatici, è sempre in agguato.

E questo quando ti va bene! Perché in alternativa c’è la possibilità di squarciare il copertone o peggio rompere il cerchio con relativo salato esborso economico.

Cosa succede quando subisci una foratura a causa delle buche?

Si scende dalla macchina, ci si mette a cambiare il pneumatico con la ruota di scorta e poi si riparte, maledicendo il manto stradale e l’incuria ma comunque si riparte.

Per risolvere ed affrontare questo problema dalla parte di chi ha disabilità abbiamo pensato ad una ruota con una circonferenza più ampia e aumentato la robustezza con l’utilizzo dei cerchi a raggi.

L’idea ci è venuta guardando il mondo delle moto da Enduro.

Per chi non lo conoscesse, l’Enduro è lo sport delle moto da cross; quelle gare piene di adrenalina, fango, salti spettacolari, buche e ciottolati vari.

Per tutta la gara le moto affrontano grandi salti, sollecitazioni e botte su entrambe le ruote rimanendo praticamente perfette grazie alla loro resistenza. Ci siamo subito detti “questo è il nostro rimedio”, “Questo è quello che vogliamo per la nostra Equality!”

 

Ed è così che abbiamo pensato la nostra micro-car.

Ruote ad ampio raggio per affrontare tutte le buche senza rischiare di rimanerci dentro e cerchi a raggi che aumentano la resistenza all’impatto, evitando la foratura e la deformazione del cerchione ma in tutta leggerezza!

Al prossimo aggiornamento